You are here
Home > News Salute > L’attività fisica ci fa rendere di più al lavoro ma non bisogna esagerare

L’attività fisica ci fa rendere di più al lavoro ma non bisogna esagerare

Troppo sport fa male salute

Sono noti da tempo i benefici che derivano dalla pratica di una attività fisica. Ma stando a uno studio che è stato pubblicato sul Journal of Applied Psysiology, l’esercizio fisico avrebbe anche l’effetto di migliorare la nostra produttività lavorativa. Ed è proprio per questo che sempre più aziende scelgono di installare una palestra a beneficio dei propri dipendenti. In questo senso Annamaria Crespi, pedagogista, coach e ideatrice del Metodo Wal all’Adnkronos ha spiegato che: “Dopo i primi studi e le osservazioni sul cervello delle persone anziane, siamo passati all’utilizzo della camminata con cuffie in cui si ascoltano lezioni di vario tipo sui ragazzi per saggiarne l’efficacia sull’apprendimento, e ora siamo approdati all’uso nelle aziende in cui i manager aumentano la propria capacità di apprendere e utilizzare ciò che hanno imparato grazie al nostro training strutturato”.

Attività fisica e rendimento lavorativo

In questo senso è stata svolta un’altra ricerca molto interessante: uno studio condotto dalla Bristo​l​ University sui lavoratori di tre diverse società ha evidenziato come la pratica di un’attività sportiva possa influenzarne il rendimento e il livello delle prestazioni lavorative. “I risultati sono stati sorprendenti anche agli occhi dei ricercatori: nei giorni in cui i volontari si allenavano la concentrazione sul lavoro aumentava del 21%, il 22% finiva il lavoro in tempo, il 25% si concedeva meno pause e il 41% dichiarava di sentirsi più motivato”. Dallo studio condotto dall’Università di Bristol è emerso anche che la pratica dell’esercizio fisico effettuato tra un lavoro e l’altro ha un effetti positivi sull’umore, diminuisce lo stress, non ci fa sentire scarichi dopo pranzo e aumenta l’energia sul lavoro.

Sport: i benefici per la salute

Inoltre sono noti da tempo i benefici dello sport per il nostro organismo: produce una migliore ossigenazione al cervello, e un maggiore rilascio di endorfine e di neurotrofine. Ed in effetti subito dopo l’allenamento si assiste a un aumento della produttività che si stima da un minimo del 20% a un massimo del 50%. Tuttavia non bisogna mai perdere il senso della misura. Stando infatti a uno studio condotto negli Stati Uniti chiamato CARDIA, acronimo di Coronary Artery Risk Development in Young Adult Study, praticare più di 7 ore e mezza di sport a settimana farebbe male al cuore, in quanto aumenterebbe il rischio di calcificazioni nelle arterie coronariche, fattori che possono favorire eventi cardiovascolari, quali infarti e ictus.

Lo studio non lascia emergere nessun rapporto di causa effetto tra il praticare molto sport e il rischio aumentato di calcificazione coronarica in quanto si tratta soltanto di uan associazione statistica. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Mayo Clinic Proceedings.

 

Lascia un commento

quattro × cinque =

Top