You are here
Home > News Salute > Curcuma: un aiuto per dimagrire e per la memoria

Curcuma: un aiuto per dimagrire e per la memoria

Curcuma pianta effetti salute

La curcuma è una pianta erbacea proveniente dall’Asia sud-orientale, che viene molto utilizzata nell’ambito della cucina asiatica, in particolare da quella indiana. Si tratta di una spezia di cui sono note le proprietà anti-ossidanti, antinfiammatorie e anti-tumorali e perfino dimagranti.  E’ un prodotto facilmente reperibile online, nei negozi etnici o in quelli specializzati in prodotti biologici, e si può trovare anche nelle farmacie sotto forma di integratori in compresse. La spezia che ha maggiori virtù medicamentose è la Curcuma lunga o zafferano delle Indie.

Curcuma: gli effetti benefici per l’organismo

Le proprietà dimagranti che si ascrivono alla curcuma sono dovute principalmente alla presenza della curcumina, una sostanza brucia-grassi, che ne favorisce lo smaltimento più rapido. Per essere assorbita completamente dall’organismo è bene associarla alla piperina, che è contenuta nel pepe nero. Inoltre ha anche proprietà antinfiammatorie che si rivelano utili anche a chi vuole dimagrire in quanto l’infiammazione è una condizione che predispone all’obesità e al diabete e ai disordini metabolici. La curcuma inoltre aumentando i livelli di serotonina e della dopamina avrebbe anche un effetto anti-depressivo naturale.

Curcuma: un aiuto per la memoria

Stando a uno studio condotto dall’Università della California produrrebbe dei benefici per la  memoria. I ricercatori hanno preso in esame 40 adulti di età compresa tra i 50 e i 90 anni che presentavano lievi disturbi della memoria. I volontari sono stati quindi suddivisi in due gruppi: ad uno è stato assegnato un placebo mentre all’altro 90 milligrammi di curcumina, per due volte al giorno per 18 mesi. In chi aveva assunto della curcuma i test della memoria risultavano migliori del 28%.

E’ probabile che la curcumina prevenendo l’infiammazione cerebrale sia in grado di prevenire anche le malattie neurodegenerative, tra cui l’Alzheimer. Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of American oìf Geriatric Psychiatry.

 

Lascia un commento

cinque × due =

Top