You are here
Home > News Salute > Lavorare troppo nuoce alla salute: lo conferma anche la scienza

Lavorare troppo nuoce alla salute: lo conferma anche la scienza

Stress pronomi avverbi parole
loading...

Lavorare certo è importante, ma anche in ambito lavorativo se si esagera non si fa un regalo alla salute anzi. Non è un caso che l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) ha istituito la Giornata Mondiale per la Salute e Sicurezza sul Lavoro. In particolare stando alle ultime ricerche svolte in merito, lavorare oltre le 55 ore a settimana innalza del 27% il rischio di ictus. In tal senso il numero di ore lavorative a settimana non dovrebbe essere superiore a 25. Nei soggetti con età superiore ai 40 anni le ore di lavoro in eccesso avrebbero dei riflessi negativi sulla salute soprattutto in termini di stress, mancanza di concentrazione, irritabilità, depressione. dolori cronici a livello articolare. Insomma si tratta di elementi che determinano uno scadimento complessivo della prestazione lavorativa.

Gli effetti dello stress sul luogo di lavoro

In effetti uno studio condotto sullo stress sul luogo di lavoro che è stato pubblicato sulla rivista Psychoneuroendocrinology, ha messo in evidenza che se l’impegno profuso nel lavoro non  riceve un adeguato riconoscimento diventa una sorta di boomerang che ci si ritorce contro proprio in termini di stress. In questo senso i ricercatori dell’Università di tecnologia di Eindhoven in Olanda hanno posto in relazione alcuni indicatori fisiologici dello stress, quali l’ormone cortisolo con alcuni indicatori psicologici come ad esempio la percezione dello stress da parte dei lavoratori. In particolare i ricercatori hanno preso in esame i livelli di cortisolo di 91 lavoratori nell’ambito di una ordinaria settimana lavorativa con quella di 81 persone che svolgevano un maggior carico lavorativo ed erano impegnate anche in un corso di crescita professionale. Quindi hanno confrontato i livelli di stress dei due gruppi.

Ebbene è emerso che i lavoratori che svolgevano bene il proprio lavoro ma che non ricevevano alcuna promozione o aumento salariale presentavano un costante livello di cortisolo e quindi soffrivano di stress cronico.

 

Lascia un commento

9 + 1 =

Top