You are here
Home > Salute > Giornata mondiale senza tabacco: in Italia gli adolescenti sono più a rischio

Giornata mondiale senza tabacco: in Italia gli adolescenti sono più a rischio

Smettere fumo per denaro

La Giornata mondiale senza tabacco proclamata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ci permette fare il punto della situazione. Nel nostro paese i fumatori rappresentano il 22,3% della popolazione, complessivamente 11,7 milioni di persone. In particolare un adolescente su 10 è un consumatore abituale di sigarette. Stando all’indagine Explora, che ha preso in esame un campione di 15mila ragazzi dii 14 e i 17 anni, un adolescente fuma la prima sigaretta alle scuole superiori, mentre una piccola percentuale comincia a fumare già dalle scuole elementari. Quasi il 50% ha fumato in passato oppure è solito farlo occasionalmente. Tra gli adolescenti che risultano fumatori abituali, metà di questi fuma anche cannabis.

Nella maggior parte dei casi si tratta di studenti che frequentano gli istituti professionali e i licei artistici, mentre i genitori hanno un livello di istruzione medio-basso. Inoltre dall’indagine emerge anche che i giovani fumatori praticano meno sport e risultano maggiormente dediti al consumo di bevande, quali gli energy drink e gli alcolici. Recentemente è stato scoperto che anche il fumo di terza mano aumenta il rischio di ammalarsi di cancro. In particolare per fumo di terza mano ci si riferisce alle sostanze che derivano dal fumo che vanno a depositarsi ad esempio su tende e tappeti, e anche sui vestiti e le superfici mobili, impregnando l’ambiente domestico. In particolare lo studio condotto dai ricercatori ha evidenziato che gli elementi che residuano dalla combustione del tabacco sono in grado di interagire con  le molecole d’aria, creando una sorta di miscela tossica per l’organismo umano.

In particolare i composti che si liberano in questa miscela potrebbero provocare danni al Dna in grado di innescare un processo tumorale. Nei test condotti sui topi è stato evidenziato che a 40 settimane dall’ultima esposizione, gli animali hanno mostrato un aumento dell’incidenza del tumore ai polmoni.

 

Lascia un commento

quindici − undici =

Top