You are here
Home > News Salute > Cravatta, secondo uno studio può far male alla salute

Cravatta, secondo uno studio può far male alla salute

cravatta fa male alla salute

La cravatta, così come i tacchi a spillo per le donne, è uno degli elementi portanti dell’abbigliamento maschile. Questo accessorio viene utilizzato nell’ambito di occasioni formali, ma è previsto in particolare in ambito lavorativo.   Tuttavia stando a uno studio che è stato condotto in Germania e pubblicato sulla rivista Neuroradiology, la cravatta che prevede una serie di nodi va a comprimere i vasi sanguigni che portano sangue al cervello. La diminuzione del flusso sanguigno potrebbe influire sul funzionamento cognitivo e quindi determinare anche un calo della performance lavorativa.

I ricercatori dell’University Hospital Schleswig  Holstein hanno preso in esame 30 giovani volontari, che sono stati divisi in due gruppi. I partecipanti sono stati sottoposti a una risonanza magnetica, 15 indossavano la cravatta nel momento in cui sono stati sottoposti alla risonanza, i rimanenti 15 invece non l’avevano. I partecipanti con la cravatta durante l’esame l’hanno annodata con un nodo ‘full Windsor’ che prevede un passaggio in più rispetto a quelli classici. Dai risultati è emersa una diminuzione statisticamente significativa dell’afflusso sanguigno cerebrale negli uomini che indossavano questo acessorio. In particolare chi indossava la cravatta subiva una diminuzione del flusso sanguigno al cervello pari al 7,5% rispetto a chi invece non la portava. Tale decremento non porterebbe a sintomi evidenti, tuttavia potrebbe incidere sulla qualità delle performance cognitive.

I ricercatori in questo senso sottolineano che l’afflusso costante di sangue al cervello è molto importante in quanto permette ai neuroni di svolgere a pieno le loro funzioni, ovvero trasmettere i messaggi e quindi permette ai lavoratori di fronteggiare le difficoltà lavorative disponendo a pieno delle facoltà intellettive.

 

Lascia un commento

tredici + 7 =

Top