You are here
Home > Medicina > Sonno: perché è così importante per la salute?

Sonno: perché è così importante per la salute?

Sonno dormire riposo

Dormire potrebbe sembrare un’attività inutile, in realtà le ore di sonno risultano fondamentali per il nostro benessere psicofisico, alla pari di mangiare e bere, quindi il nostro organismo per poter svolgere tutte le funzioni, ha bisogno di un tot di ore di riposo per rigenerarsi. D’altronde pensate a come sarebbe la vita vissuta come una veglia ininterrotta: ben lo sapeva ad esempio il filosofo rumeno Cioran colpito da insonnia in giovanissima età, che si salvò grazie alla scoperta della scrittura, che gli dava modo di occupare le ore vacanti che avrebbe dovuto destinare al sonno. D’altronde la vegllia diuturna in pratica è incompatibile con la vita.

Sonno: caratteristiche

Intanto il sonno ha un andamento ciclico, in quanto presenta un alternarsi di diverse fasi: La fase Rem che si caratterizza per i movimenti rapidi degli occhi e la fase Nrem, che non è legata al movimento rapido degli occhi. Pensate che in una sola notte di sonno normalmente si verificano da quattro a sei cicli alternati di fasi NREM e REM. Riguardo  al sonno bisogna considerare sia elementi quantitativi che qualitativi. Ad esempio anche se si dormono 7 o 8 ore a notte come la maggior parte della popolazione, ci si può risvegliare stanchi o comunque con la sensazione di non aver dormito a sufficienza. Ciò  si verifica quando il sonno non è stato davvero ristoratore ed in effetti  il miglior parametro per verificare se il riposo è stato o meno soddisfacente, è proprio come ci sentiamo al risveglio. Durante il sonno avviene anche la produzione di ormoni, quali la leptina, che è responsabile del senso di sazietà, per cui dormire bene è importante anche se vogliamo perdere qualche chilo di troppo.

Sonno: consigli per dormire al meglio

Pe favorire il sonno bisogna evitare di andare a dormire troppo tardi la notte, può sembrare lapalissiano, ma questo consiglio vale soprattutto per i giovani che sono sempre pronti a scatenarsi nelle ore notturne. Inoltre è bene non andare a dormire dopo aver mangiato, in quanto il processo digestivo che richiama molte energie, può andare ad interferire proprio con il sonno.

Chi pratica un’attività sportiva farebbe bene a non allenarsi nelle ore antecedenti al sonno, a causa dell’accumulo di adrenalina. Un altro accorgimento consiste nello spegnere la luce, ed anche i cellulari, perché la lucina blu del display possono andare ad interferire con la produzione di melatonina.

Infine anche il riposino pomeridiano, che al sud viene chiamato pennichella, può contribuire al recupero delle energie, ma solo se si tratta di un’abitudine e non di un bisogno, perchè altrimenti è la spia di un sonno che non ci ristora al meglio. Se l’articolo ha suscitato il vostro interesse,  potete lasciare  mi piace alla nostra pagina facebook grazie!

 

Lascia un commento

4 × uno =

Top