You are here
Home > Salute > Sindrome dell’apnea notturna: a chi rivolgersi?

Sindrome dell’apnea notturna: a chi rivolgersi?

Apnea sonno
loading...

La sindrome dell’apnea notturna consiste in un arresto della respirazione che avviene durante la fase di sonno. Perché si possa parlare di un processo di questo genere, l’interruzione della respirazione deve durare almeno 10 secondi. Bisogna distinguere l’apnea notturna da quella che invece più specificamente è l’apnea ostruttiva. La prima spesso può essere originata da cause neurologiche, mentre la seconda è dovuta più che altro ad un’ostruzione delle vie respiratorie superiori. Quindi nel caso dell’apnea ostruttiva i polmoni cercano di respirare, ma non ci riescono perché si verifica un’ostruzione nel passaggio dell’aria. Ma a chi ci si deve rivolgere per trattare l’apnea notturna?

La diagnosi dell’apnea notturna

Per ottenere una diagnosi corretta di questo problema, potrebbe essere molto utile rivolgersi ad una struttura ospedaliera o ad un centro specializzato, in cui operano dei medici che si occupano principalmente di disturbi del sonno. L’esame più importante che viene consigliato si chiama polisonnografia.

Con questo esame si possono diagnosticare le patologie più gravi da quelle che invece non sono particolarmente complesse e che possono consistere soltanto nel russare. Poi per trattare il disturbo, se è molto complicato, ci si può rivolgere ad un medico esperto oppure ad un chirurgo.

La terapia da seguire

Per quanto riguarda la terapia medica da seguire, quella specifica si chiama C.P.A.P. Consiste nell’indossare una mascherina a livello nasale che è fissata dietro la testa ed è collegata ad un piccolo apparecchio che manda aria nel naso. Si evita così l’apnea ostruttiva.

Inizialmente la terapia può essere un po’ fastidiosa, ma poi ci si abitua sperimentando effetti benefici, con la scomparsa delle vere e proprie apnee ostruttive.

Un’alternativa è costituita dalla terapia chirurgica, che prende il nome di roncochirurgia. Chirurgicamente si interviene per modificare delle alterazioni che si riscontrano nelle prime vie aeree e che determinano l’ostruzione e quindi impediscono il passaggio dell’aria.

Possono essere oggetto di operazione il naso, ma anche il palato molle, la lingua, le adenoidi, le tonsille o la mandibola. È il medico specialista e il chirurgo otorinolaringoiatra che possono intervenire con ultrasuoni e radiofrequenze, sempre seguendo un metodo personalizzato per ogni singolo paziente.

 

Lascia un commento

diciassette + 3 =

Top