You are here
Home > Salute > Perché il neonato ride nel sonno?

Perché il neonato ride nel sonno?

Neonato perché sorride
loading...

Perché il neonato ride nel sonno? È una domanda che ci si pone spesso e alle quali a volte si risponde con antiche credenze, secondo le quali i bambini mentre dormono ridono perché stanno sognando gli angeli. In realtà si tratta di qualcosa di completamente diverso secondo le spiegazioni scientifiche. Il tipico movimento delle labbra del neonato durante il sonno è dovuto alla sua esigenza di comunicare rilassamento e senso di soddisfazione. Un gesto istintivo, secondo quello che affermano alcuni esperti.

I motivi del sorriso del neonato durante il sonno

I genitori spesso si accorgono che i bambini, specialmente nella fase in cui sono neonati, tendono a sorridere più durante il sonno che nella fase di veglia. I piccoli non fanno altro che esprimere una sensazione di piacere e di serenità.

Spesso questa sensazione è collegata alla vicinanza di chi sta accanto al bambino, mentre dorme. Inoltre può essere resa più intensa attraverso il movimento della culla o resa più piacevole tramite le coccole, i baci e le carezze che il neonato riceve mentre dorme.

Teniamo conto però del fatto che il sorriso è qualcosa di molto automatico. Infatti, nella prima fase della vita, il bimbo non ha ancora imparato a gestire questa reazione. Soltanto nel corso della crescita riesce a gestire meglio gli stimoli che portano a sorridere tramite l’apprendimento e lo sviluppo delle relazioni con gli altri.

Solo sorriso o anche pianto?

A volte le espressioni dei neonati durante il sonno appaiono piuttosto confuse. Infatti si riscontra che circa il 20% dei bambini piccoli piange durante il sonno. In questo caso le cause sono diverse. Nei primi 6 mesi tutti i piccolini sperimentano una condizione di adattamento alla vita, ecco perché durante il riposo può capitare che si sveglino e piangano.

Molto spesso il pianto nel sonno è motivo di ansia per i neogenitori, ma non bisognerebbe preoccuparsi più di tanto. Bisogna stare attenti soltanto a non confondere un pianto “naturale” con l’esigenza di soddisfare bisogni come l’alimentazione o l’essere cambiati o eventualmente il pianto dovuto al verificarsi di piccole coliche.

 

Lascia un commento

12 − sette =

Top